Una buona percentuale delle persone che si rivolgono a me per una dieta, riferisce di amare la pizza ma di avere difficoltà a digerirla. A costoro suggerisco di rivolgersi a pizzerie che utilizzino come agente lievitante la pasta madre, che permette di ottenere prodotti più digeribili. 

Vediamo più in dettaglio di cosa si tratta.

La pasta madre o lievito madre o pasta acida o lievito naturale (tutti nomi equivalenti), si ottiene dalla contaminazione di una miscela di acqua e farina con i lieviti  ed i batteri lattici ed acetici dell’aria. Questi,utilizzano l’amido della farina per produrre alcol e anidride carbonica, che a loro volta permettono, soprattutto in cottura, la lievitazione dell’impasto.

Il pH, ovvero il grado di acidità della pasta madre, si aggira intorno a 4-4,5 dopo la fase di fermentazione, e raggiunge pH 5 dopo il rinfresco.

Si utilizza al posto del lievito per preparare prodotti da forno a base di farina, come pane, panini, grissini, cracker, fette biscottate, pizza, croissant.

La pasta madre può essere prodotta anche in casa. Richiede qualche attenzione e periodici rinfreschi, per contro offre una serie di vantaggi, quali una maggiore elasticità e sofficità della mollica, una maggiore durata grazie all’inibizione della crescita delle muffe, una maggiore sofficità nel tempo, caratteristiche sensoriali uniche in termini di sapore e profumo, una maggiore digeribilità.

Vediamo insieme le tappe della preparazione casalinga.

 

Ingredienti:

  • 200 g di farina
  • 100 g di acqua
  • un cucchiaino di miele

Temperatura ambientale: 18-25 °C

 

Primo e Secondo Giorno

In una terrina mescolare 200 g di farina, 100 g di acqua tiepida ed il cucchiaino di miele, che fornisce gli zuccheri di pronto utilizzo necessari per dare inizio alla fermentazione. Miscelare il composto, impastare brevemente e formare una palla. Fare un taglio a croce sulla superficie, riporre in un vaso di vetro coperto da un telo e lasciare riposare per 48 ore a temperatura ambiente.

Pastamadre1Pastamadre3

 

Terzo e Quarto Giorno

A questo punto l’impasto avrà raddoppiato il suo volume e si presenterà molto schiumoso. Eliminare la crosticina che si sia eventualmente formata sulla superficie, prelevare 100 g di pasta madre, aggiungere un ugual volume (100 g) di farina e mezzo volume (50 g) di acqua tiepida. Di nuovo impastare, formare una palla, fare il taglio a croce,  riporre in un contenitore di vetro ricoperto da un telo e lasciare riposare per altre 48 ore.

Pastamadre2Pastamadre4

 

Quinto e Sesto Giorno

Come per il terzo e quarto giorno

 

Dal Settimo al Tredicesimo Giorno

Rinfrescare come nei giorni precedenti, ma ad intervalli di 1 giorno.

La pasta madre che si è ottenuta al quattordicesimo giorno è ancora molto giovane, quindi non bisogna scoraggiarsi se si ottengono risultati al di sotto delle proprie aspettative.

La pasta madre può essere considerata idonea per essere utilizzata quando:

  • raddoppia il suo volume in 3-4 ore dopo un rinfresco
  • è elastica ed ha un’alveolatura regolare
  • ha un colore bianco avorio
  • ha un profumo che ricorda quello del vino
  • ha un gusto dolce-acido piacevole e non troppo forte

Se invece:

  • risulta troppo acida o grigia: effettuare 2-3 rinfreschi consecutivi, lasciandola riposare a temperatura ambiente
  • si verificano altri problemi: provare a cambiare la farina o aggiungere nel rinfresco un cucchiaino di miele

Una volta preparata, la pasta madre può essere conservata in frigorifero a circa 4 °C e deve essere rinfrescata almeno una volta alla settimana, aggiungendo un ugual volume di farina e mezzo volume di acqua tiepida, rispetto alla quantità che si vuole rinfrescare.

In alternativa, dopo il rinfresco può essere stesa a formare una sfoglia sottile che deve essere poi chiusa in un foglio di carta da forno, seguito da uno di pellicola trasparente e infine da uno di carta argentata. In questo modo può essere conservata nel congelatore per 3 mesi. Al momento del riutilizzo, deve essere fatta scongelare a temperatura ambiente per 24 ore, quindi aprire il pacchetto ed effettuare 2-3 rinfreschi ogni 24 ore.

A grandi linee si possono usare 150 g di pasta madre rinfrescata per 500 g di farina.

 

Bibliografia

  • Antonella Scialdone, “La Pasta Madre”, Edagricole, 2011
  • Lisa Casali, “Autoproduzione In Cucina”, Gribaudo, 2013

 

Dr.ssa Maria Irene Ambrosini

Prenota una visita

Franco Menichelli - MioDottore.it

Dove sono

googlemapsVia Salvatore Pincherle, 169
00146 Roma

Per contattarmi

telefono3454579509

Facebook

telefonoSeguimi anche
su Facebook

Per informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito accetti che vengano utilizzati.