È ormai noto che all’interno del nostro intestino esiste una complessa popolazione microbica, il microbiota, costituita da batteri, virus e funghi, in grado di condizionare, in senso positivo o negativo, il nostro stato di salute.
Mutazioni genetiche, un’alimentazione errata, uno stile di vita scorretto, possono concorrere ad alterare tale flora microbica, con conseguenze che si ripercuotono sull’intero organismo

.
In occasione del convegno che si è tenuto ieri a Roma, dal titolo “Asse Intestino-Cervello”, il dr Marcello Romeo ha focalizzato l’attenzione sul ruolo che una flora intestinale patogena può avere nell’insorgenza di alcune patologie che coinvolgono il Sistema Nervoso Centrale.
Studi recenti hanno infatti evidenziato come alcune molecole pro-infiammatorie prodotte dai batteri intestinali, come l’LPS (lipopolisaccaride), possano essere trasportate da particolari “navette”, le vescicole esosomiali, fino al cervello, e concorrere alla eziogenesi di patologie come la depressione, l’autismo e le malattie neurodegenerative.

Dr.ssa Maria Irene Ambrosini

Prenota una visita

Franco Menichelli - MioDottore.it

Dove sono

googlemapsVia del Giordano, 33
00144 Roma

Per contattarmi

telefono3454579509

Facebook

telefonoSeguimi anche
su Facebook

Per informazioni

Save
Cookies user prefences
Questo sito utilizza i cookies per offrire una esperienza di navigazione migliore. Se non accetti di installarli il sito potrebbe non funzionare come atteso.
Accetta tutto
Rifiuta tutto
Cookie policy
Analytics
Tools used to analyze the data to measure the effectiveness of a website and to understand how it works.
Google Analytics
Accetto
Decline
Functional
Tools used to give you more features when navigating on the website, this can include social sharing.
AddThis
Accetto
Decline